e-Dossier: Accordo sull’emigrazione con l’Italia

«Lavoratori stranieri» italiani durante la pausa pranzo in una baracca a Zurigo (FWS 6.10.1961)

«Abbiamo chiamato forza lavoro, arrivano uomini»: la famosa frase di Max Frisch risale al 1965. Già un anno prima, nel 1964, il consigliere federale Hans Schaffner rivolgeva parole simili a uno dei suoi alti funzionari. «Gli svizzeri si fanno delle enormi illusioni se credono che alla lunga possiamo ottenere dal nostro Stato vicino solo la popolazione attiva, inserita nel mondo del lavoro».

e-Dossier: 75 anni fa la fine della seconda guerra mondiale in Europa

The cease-fire is euphorically celebrated in the streets of Geneva. Swiss news journal «Schweizer Filmwochenschau» from May 11, 1945.

«Le campane delle chiese annunciano la fine delle operazioni belliche», disse il presidente della Confederazione Eduard von Steiger in apertura del suo discorso alla radio dell’8 maggio 1945: «Le indicibili sofferenze dei popoli colpiti dalla guerra si avviano alla fine». Pochi giorni dopo, in un quadro più confidenziale, il ministro degli esteri Max Petitpierre si mostrò meno ottimista di fronte a rappresentanti del parlamento e dei governi cantonali.

12. Marzo 2020
Comunicato

150 anni di Vorort

Sempre pronti a difendere gli interessi economici svizzeri all’estero. Intestazione di una lettera scritta dal presidente del Vorort G. Winterberger al Dipartimento politico il 7 ottobre 1976, dodis.ch/49928.

150 anni fa, il 12 marzo 1870, venne fondata l’Unione svizzera del commercio e dell’industria (denominata anche Vorort, oggi economiesuisse), una delle principali associazioni economiche del paese. Sul sito di Dodis si trovano all’incirca 1000 documenti redatti dal Vorort, ad esso indirizzati o nei quali è menzionato questo influente gruppo di pressione del settore privato.

e-Dossier: 70 anni fa il riconoscimento della Cina

Immagine di Mao

La Svizzera fu tra i primi paesi occidentali a stabilire relazioni diplomatiche con il regime comunista cinese. In effetti, il 17 gennaio 1950 l'allora presidente della Confederazione Max Petitpierre inviò un telegramma a Mao Tse-tung che notificava il riconoscimento ufficiale del nuovo Stato (dodis.ch/8016).

Questa decisione controversa si basava su considerazioni di carattere economico, legate alla salvaguardia degli interessi elvetici in Cina.

e-Dossier: Gründung der EFTA vor 60 Jahren

Am 4. Januar 1960 wurde durch die Unterzeichnung der Stockholmer Konvention die Europäische Freihandelsassoziation (EFTA) gegründet. In Kraft trat das Übereinkommen am 3. Mai 1960. Die Schweiz war neben Dänemark, Grossbritannien, Norwegen, Österreich, Portugal und Schweden eines der sieben Gründungsmitglieder. Ausschlaggebend für die Schaffung der EFTA waren das Nichtzustandekommen einer grossen Freihandelszone in Westeuropa und die Gründung der Europäischen Wirtschaftsgemeinschaft EWG in Rom 1957 gewesen.

6. Giugno 2019
Comunicato

Quando cadde il Muro

Marc Dierikx und Sacha Zala (Hg.): When the Wall Came Down. The Perception of German Reunification in International Diplomatic Documents 1989–1990 (Download: www.dodis.ch/q12)

Helmut Kohl era molto impressionato quando la mattina del 10 novembre 1989 tornò alla cancelleria di Bonn, dopo un viaggio a Berlino. «C'è un’atmosfera da festa popolare", riferì per telefono al presidente degli Stati Uniti George Bush, descrivendo il clima della memorabile notte in cui il Muro di Berlino cadde: «Le frontiere sono completamente aperte. In alcuni punti fanno letteralmente breccia nel muro.»

17. Ottobre 2019
Manifestazione

Zwischen Hilfe an «Brüder in der Not» und «Kanton Übrig»

Am 17. und 18. Oktober 2019 findet am Historischen Institut der Universität Bern der internationale Workshop Zwischen Hilfe an «Brüder in der Not» und «Kanton Übrig» zur Schweiz und Vorarlberg am Ende des Ersten Weltkriegs 1918–1922 statt. Für Donnerstagabend laden die Veranstalter alle Interessierten herzlich zum öffentlichen Referat von Hannes Leidinger (Wien) ein.

Pagine

Abbonamento a Front page feed