e-Dossier

e-Dossier: Gli accordi di Washington di 1946

Il ministro Walter Stucki, capo della delegazione svizzera, in partenza per Washington. Cinegiornale svizzero del 22 marzo 1946, cfr. dodis.ch/dds/1169.

Nella primavera del 1946 una delegazione svizzera di alto livello si recò a Washington per negoziare la liberazione di beni patrimoniali svizzeri bloccati negli USA e la fine del boicottaggio alleato contro le aziende che avevano fatto affari con le potenze dell’Asse durante la Seconda guerra mondiale. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia chiedevano in cambio la consegna di beni tedeschi depositati su conti svizzeri.

e-Dossier: Diplomazia sui binari – la ferrovia del Gottardo e la politica estera

Lavori di costruzione (circa 1880) davanti al portale sud del tunnel del Gottardo ad Airolo. Fonte: https://de.wikipedia.org/wiki/Gotthardtunnel

I festeggiamenti del 1° giugno 2016 per l’apertura della galleria di base del Gottardo segneranno il culmine di un’evoluzione che ha una lunga storia dietro di sé. Già nel XIX secolo la costruzione di una linea ferroviaria attraverso le Alpi svizzere si presentava come un grande progetto di dimensioni europee. La sua realizzazione era perciò strettamente legata a considerazioni di politica estera.

e-Dossier: L'avvio di relazioni diplomatiche con l'URSS

Da sinistra a destra: il consigliere federale Max Petitpierre a colloquio con Eduard Zellweger (Belgrado) e Hermann Flückiger, che sarà il primo rappresentante diplomatico svizzero a Mosca. Cinegiornale svizzero del 5 aprile 1946.

Il 18 marzo 1946, la Svizzera e l’Unione sovietica avviarono relazioni ufficiali, dopo quasi 30 anni di interruzione, con uno scambio di note diplomatiche avvenuto a Belgrado (dodis.ch/48190). La normalizzazione dei rapporti con la nuova superpotenza a est fu una premessa essenziale per lo sviluppo delle relazioni internazionali della Svizzera all’inizio della Guerra fredda.

e-Dossier: La rappresentanza degli interessi statunitensi a Cuba da parte della Svizzera

«Relazione speciale»: Fidel Castro discute con l'ambasciatore svizzero Emil Stadelhofer (a destra), 1964. Fonte: dodis.ch/40943

«Se la Svizzera neutrale non esistesse, la dovremmo inventare», confidò un influente consulente del presidente statunitense John F. Kennedy nel marzo del 1962 all’ambasciatore svizzero a Washington August R. Lindt. Questa «piena soddisfazione» degli Stati Uniti dipendeva anche dalla rappresentanza degli interessi USA a Cuba da parte della Svizzera, che si è conclusa nell'agosto 2015 con la ripresa delle relazioni tra Washington e l'Avana.

e-Dossier: L’Atto finale della CSCE di Helsinki in 1975

Il 1° agosto 1975 a Helsinki il presidente della Confederazione Pierre Graber appone la sua firma in calce all’Atto finale della CSCE. Fonte: Archivio fotografico Ringier, Aarau.

«La CSCE non è terminata il 1° agosto di quest’anno con la firma solenne dell’Atto finale a Helsinki», si legge in una circolare del DPF dell’ottobre 1975. «Anzi, in un certo senso comincia solo ora». Ciò non toglie che a quell'epoca a Helsinki fu posta una pietra miliare della storia europea. Per la Svizzera si trattò di una tappa decisiva nell’evoluzione della sua politica estera verso una maggior apertura.

e-Dossier: 75 anni fa la fine della seconda guerra mondiale in Europa

The cease-fire is euphorically celebrated in the streets of Geneva. Swiss news journal «Schweizer Filmwochenschau» from May 11, 1945.

«Le campane delle chiese annunciano la fine delle operazioni belliche», disse il presidente della Confederazione Eduard von Steiger in apertura del suo discorso alla radio dell’8 maggio 1945: «Le indicibili sofferenze dei popoli colpiti dalla guerra si avviano alla fine». Pochi giorni dopo, in un quadro più confidenziale, il ministro degli esteri Max Petitpierre si mostrò meno ottimista di fronte a rappresentanti del parlamento e dei governi cantonali.

e-Dossier: Churchill e la Svizzera

Winston Churchill dopo il famoso discorso del 19 settembre 1946 all'Università di Zurigo, assieme alla figlia Mary (dodis.ch/33386).

Il 24 gennaio 1965 moriva all’età di 90 anni una delle figure dominanti della politica mondiale. Winston Churchill, il primo ministro che aveva guidato la Gran Bretagna negli anni della guerra, fu ricordato in tutto il mondo e anche in Svizzera. «La radio, la televisione e la stampa del nostro paese hanno dal canto loro fatto eco ai sentimenti di viva gratitudine del popolo svizzero nei confronti del defunto.» ...

Pagine