e-Dossier: La rappresentanza degli interessi statunitensi a Cuba da parte della Svizzera

«Relazione speciale»: Fidel Castro discute con l'ambasciatore svizzero Emil Stadelhofer (a destra), 1964. Fonte: dodis.ch/40943

«Se la Svizzera neutrale non esistesse, la dovremmo inventare», confidò un influente consulente del presidente statunitense John F. Kennedy nel marzo del 1962 all’ambasciatore svizzero a Washington August R. Lindt. Questa «piena soddisfazione» degli Stati Uniti dipendeva anche dalla rappresentanza degli interessi USA a Cuba da parte della Svizzera, che si è conclusa nell'agosto 2015 con la ripresa delle relazioni tra Washington e l'Avana.

5. Ottobre 2016
Comunicato

Politische Reden von Ausländern

1973 prominentes Opfer des bundesrätlichen Redeverbots für Ausländer: Der Dalai Lama. Quelle: http://de.freeimages.com/photo/dalai-lama-1482936

Ein Ende September 2016 eingereichter parlamentarischer Vorstoss möchte die Bewilligungspflicht für ausländische Redner wiedereinführen, wie sie zwischen 1948 und 1998 in Kraft war. Der damalige Bundesratsbeschluss sah vor, dass «Ausländer [...] an Versammlungen nur mit besonderer Bewilligung über ein politisches Thema reden [dürfen]».

e-Dossier: 70 anni della visita di Churchill in Svizzera

Winston Churchill dopo il famoso discorso del 19 settembre 1946 all'Università di Zurigo, assieme alla figlia Mary (dodis.ch/33386).

Il 24 gennaio 1965 moriva all’età di 90 anni una delle figure dominanti della politica mondiale. Winston Churchill, il primo ministro che aveva guidato la Gran Bretagna negli anni della guerra, fu ricordato in tutto il mondo e anche in Svizzera. «La radio, la televisione e la stampa del nostro paese hanno dal canto loro fatto eco ai sentimenti di viva gratitudine del popolo svizzero nei confronti del defunto.» ...

e-Dossier: 70 anni dagli accordi di Washington

Il ministro Walter Stucki, capo della delegazione svizzera, in partenza per Washington. Cinegiornale svizzero del 22 marzo 1946, cfr. dodis.ch/dds/1169.

Nella primavera del 1946 una delegazione svizzera di alto livello si recò a Washington per negoziare la liberazione di beni patrimoniali svizzeri bloccati negli USA e la fine del boicottaggio alleato contro le aziende che avevano fatto affari con le potenze dell’Asse durante la Seconda guerra mondiale. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia chiedevano in cambio la consegna di beni tedeschi depositati su conti svizzeri.

21. Maggio 2016
Manifestazione

Atelier Wikipedia sur l'histoire ferroviaire chez Dodis

Les DDS font partie, en 2016, de Wiki on Rails. Cf. http://wiki.glamwiki.ch/index.php?title=Wiki_on_Rails_2016

La samedi 21 mai 2016 aura lieu un ateilier Wikipedia sur les ressources de Dodis en matière d'histoire ferroviaire. Les néophytes ainsi que les habitués de Wikipedia sont cordialement invités à venir s'informer lors d'une conférence de Sacha Zala et d'un workshop sur les documents Dodis concernant le Gothard, le Simplon etc. (à ce sujet, vous pouvez également consulter notre e-dossier).

e-Dossier: Diplomazia sui binari – la ferrovia del Gottardo e la politica estera

Lavori di costruzione (circa 1880) davanti al portale sud del tunnel del Gottardo ad Airolo. Fonte: https://de.wikipedia.org/wiki/Gotthardtunnel

I festeggiamenti del 1° giugno 2016 per l’apertura della galleria di base del Gottardo segneranno il culmine di un’evoluzione che ha una lunga storia dietro di sé. Già nel XIX secolo la costruzione di una linea ferroviaria attraverso le Alpi svizzere si presentava come un grande progetto di dimensioni europee. La sua realizzazione era perciò strettamente legata a considerazioni di politica estera.

29. Marzo 2016
Comunicato

DDS-Un'analisi degli «anni del terrore»

Die Debatte zu einem «geheimen Abkommen» zwischen Bundesrat Graber und der PLO. Eine Zwischenbilanz, in: SZG 66/1 (2016), S. 1–24.

Nel corso degli ultimi anni, nell’ambito del normale lavoro di ricerca, i DDS si sono chinati in maniera approfondita sulla questione del terrorismo palestinese contro obiettivi in Svizzera negli anni 1969-1970 e sulle sue conseguenze. Numerosi documenti relativi a questo tema sono stati pubblicati, sin dal 2012, nella banca dati Dodis (vedi Una bussola attraverso gli «anni del terrore»).

e-Dossier: 70 anni dall'avvio di relazioni diplomatiche con l'URSS

Da sinistra a destra: il consigliere federale Max Petitpierre a colloquio con Eduard Zellweger (Belgrado) e Hermann Flückiger, che sarà il primo rappresentante diplomatico svizzero a Mosca. Cinegiornale svizzero del 5 aprile 1946.

Settant’anni fa, il 18 marzo 1946, la Svizzera e l’Unione sovietica avviarono relazioni ufficiali, dopo quasi 30 anni di interruzione, con uno scambio di note diplomatiche avvenuto a Belgrado (dodis.ch/48190). La normalizzazione dei rapporti con la nuova superpotenza a est fu una premessa essenziale per lo sviluppo delle relazioni internazionali della Svizzera all’inizio della Guerra fredda.

9. Marzo 2016
Manifestazione

Learn Dodis Day 2016

Programm

Die Forschungsstelle der Diplomatischen Dokumente der Schweiz hat im Rahmen ihrer wissenschaftlichen Nachwuchsförderung zum Learn Dodis Day 2016 eingeladen. Die Veranstaltung richtete sich in erster Linie an Studierende der Geschichte, war aber auch der interessierten Öffentlichkeit zugänglich. Die Teilnahme befähigt dazu, selbständige Recherchen in der Datenbank durchzuführen.

Pagine

Abbonamento a Front page feed