Quaderni di Dodis | 7

Ivo Rogic: Diplomazia e «rivoluzione». Sguardi dalla Svizzera su Guatemala, Cuba e Cile (1950–1976)

Durante la Guerra fredda, si osservano in America latina tre processi politici volti a profondi cambiamenti: quello voluto dal governo Árbenz in Guatemala (1951–54), la rivoluzione, poi il regime di Castro a Cuba (dal 1959) e quello promosso dal governo Allende in Cile (1970–73). Anche in Svizzera, queste mutazioni interrogano le autorità e la diplomazia che le interpretano, prima di agire, a contatto di numerosi attori politici, economici, mediatici e della società civile. Intrecciando le storie nazionali interne con il quadro delle relazioni internazionali, emerge una psicosi ossessiva dell’élite diplomatica, che ignora la volontà di decolonizzazione economica in America latina per intravedervi, invece, un complotto comunista su scala mondiale. Nello sguardo euro-centrico e allineato agli USA di molti rappresentanti elvetici, le nuove rivendicazioni nella regione appaiono come un pericolo per il benessere della Svizzera o per l’esistenza stessa della civilizzazione occidentale. Ne consegue il rigetto ufficioso della rivoluzione cubana e il sostegno latente ai colpi di Stato subiti dai governi democratici di Árbenz e di Allende. Benché minoritarie, emergono anche delle visioni discordanti.

 

ISBN 978-3-906051-35-2 (.pdf)
ISBN 978-3-906051-36-9 (Print)
ISBN 978-3-906051-37-6 (.epub)
ISBN 978-3-906051-38-3 (.mobi)
ISSN 2235-509X
DOI 10.5907/Q7

544 Seiten


Flyer

 

L'auteur

Ivo Rogic, *1981, Dr. in Lettere, collaboratore scientifico di ricerca presso i Servizi del Parlamento – Berna, già borsista del Fondo nazionale svizzero all’Institut des Hautes Etudes de l’Amérique latine (IHEAL, Parigi 3) e la Facultad Latinoamericana de Ciencias Sociales (FLACSO, Santiago del Cile). 


 

Cette oeuvre est mise à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons:

Attribution – Pas d’Utilisation Commerciale – Pas de Modification 4.0 International